Villa Arconati

  • Seguici su
  • facebook
  • YOUTUBE
  • Google Plus

terminato il 11/06/2015

Scuderie

Un altro pezzo di storia viene restituito al pubblico: in seguito al minuzioso lavoro di ripristino e risanamento eseguito da SAEM-SMC e interamente finanziato da Fondazione Augusto Rancilio, vengono riaperti al pubblico alcuni tra gli ambienti più suggestivi della Corte del Cedro: si tratta del deposito delle carrozze, del laboratorio del maniscalco e delle scuderie principali della villa. 

Nelle scuderie del tardo Seicento si possono infatti ammirare ampi soffitti a volta, pavimenti in pietra, eleganti colonne in granito che fanno da contrappunto alle rastrelliere e alle mangiatoie in legno e ai box in elegante ferro battuto, dove i cavalli dei nobili signori Arconati potevano abbeverarsi alle acque zampillanti di una fontana con la statua del dio Nettuno. Tutto ciò a ulteriore dimostrazione che l’amore per l’arte classica degli Arconati arrivava fino negli ambienti più rustici e quotidiani della loro villa di delizia.



E’ stato eseguito il ripristino degli intonaci nella fascia bassa, la sistemazione dei serramenti e degli antoni interni, la verniciatura delle parti in ferro e delle parti in legno dei box e delle mangiatoie.
La sostituzione del vecchio impianto di illuminazione con nuove lampade. Il lavaggio e consolidamento dei pavimenti in pietra esistenti.
Importo: 20.000,00 €