Villa Arconati

  • Seguici su
  • facebook
  • YOUTUBE
  • Google Plus

Il progetto Villa Arconati

Progetto

La Fondazione è promotrice di un piano di restauro e valorizzazione di Villa Arconati e del suo Giardino.

Villa Arconati, testimonianza del gusto e del mecenatismo lombardo, grazie agli interventi di figure amanti dell’arte e dell’architettura - come Galeazzo e Giuseppe Antonio Arconati, che si susseguirono tra XVII e XVIII secolo, portandola fino alla sua forma attuale - può oggi rivivere grazie a forme contemporanee di investimento filantropico.

Per questo la Fondazione è aperta all'attivazione di partnership con realtà istituzionali e private di eccellenza, interessate a partecipare a un grande progetto condiviso, rivolto non solo a preservare questo grande patrimonio storico, culturale e naturalistico, ma a restituirlo alla collettività come un laboratorio sul futuro, il centro di un percorso di sviluppo fondato sulla cultura e la creatività di oggi.

La visione che accompagna il progetto è legata a riportare l’intero complesso al ruolo di centro di produzione e fruizione culturale, in continuità con la sua storia, nel rispetto e nella valorizzazione del patrimonio paesaggistico in cui è inserito e in relazione alle opportunità di sviluppo del suo territorio, anche legate alla sua posizione strategica al centro della Lombardia.

Per questo la Fondazione promuove Centro Studi FAR: un percorso progettuale e interattivo rivolto a far rinascere Villa Arconati “Nuova Corte delle arti creative e contemporanee", dall'Architettura e il Design, alle Arti visive e performative, alla Moda, al Food.

Il progetto della Fondazione si integra così con il parallelo progetto di recupero del Borgo di Castellazzo - i cui spazi sono destinati a trasformarsi in “Borgo della Creatività”, dedicato a residenze e atelier per professionisti creativi - mentre la tenuta e il terreno agricolo intorno alla Villa sono oggetto di un percorso di pianificazione orientato a un innovativo modello di sviluppo sostenibile.

AMICI DI VILLA ARCONATI