Villa Arconati

  • Seguici su
  • facebook
  • YOUTUBE
  • Google Plus

il Borgo

Galleria Fotografica

Dal Borgo rurale al nuovo Borgo della Creatività.

Il Borgo si è sviluppato come un agglomerato rurale attorno alla “Villa franca del Castellazzo” di cui si attestano testimonianze fin dall’epoca medievale, in un territorio ricoperto da brughiera e da boschi, con terreni destinati rispettivamente ad aratorio e a prato per il pascolo.

Comprendeva inizialmente case coloniche, stalle, rustici, a cui si sono aggiunte in seguito anche le abitazioni degli artigiani, degli agricoltori e degli operai della fornace. Situato a Nord della Villa, si è sviluppato in aderenza ad essa, con successivi adeguamenti dei corpi di fabbrica e dei cortili fino a raggiungere la sua attuale configurazione all’inizio del Novecento.

Il complesso è suddiviso in più corti: dalla Corte Grande - con al centro il pozzo - alla Corte Nuova, un tempo riservata ai contadini, fino alla Corte delle Case Nuove e alla Corte del Fabbro. Furono in seguito annessi, oltre al Castellazzino, ad uso residenziale, la Cascina Scessa, le Fornaci, l'oratorio della Fametta e l'antico cimitero.

Oggi gli spazi del Borgo, per la loro atmosfera, e per la loro vicinanza strategica a FieraMilano a Rho, sono oggetto di studio di un nuovo progetto di recupero e riconversione immobiliare, che si affianca a quello di Fondazione Augusto Rancilio per il futuro di Villa Arconati: l’ambizioso progetto vuole la sua trasformazione in un “Borgo della Creatività”, dedicato a residenze e atelier per professionisti dell’arte, dell’architettura e del design, in genere per operatori dell’industria culturale e creativa.

 

APPROFONDISCI

AMICI DI VILLA ARCONATI